Pubblicazioni e Sponsor

Di seguito potete trovare le nostre pubblicazioni ufficiali relative ad argomenti di attuale interesse

Relatori a RemtechExpo 2020

TEST DI FITOTOSSICITà SU MATRICI AMBIENTALI (scarica qui la presentazione)

SPECIAZIONE DI METALLI (Ni, Cu e Zn) PER LA CLASSIFICAZIONE DI PERICOLOSITA’ DEI RIFIUTI contenenti metalli pesanti (tenuto da Marco Bascapè) (scarica qui la presentazione)

Partecipazione al tavolo tecnico degli inceneritori della regione lombardia in merito all’applicazione della frase HP14 sulle scorie http://www.arpalombardia.it/sites/DocumentCenter/Documents/Rifiuti/Imprese/Relazione-sui-risultati-delle-scorie-pesanti-per-HP14-e-Seveso-Finale.pdf

Di seguito potete trovare le ultime novità normative riguardante l’Ambiente

  • Sottoprodotti e rifiuti

    Con la sentenza n° 3339/2022 la Corte di Cassazione ha ribadito la differenza principale tra rifiuti e sottoprodotti ai sensi dell’art. 184 bis del D. Lgs. 152/06 e s.m.i.

    La distinzione interessa ai fini dei reati di gestione non autorizzata di rifiuti ex art. 256 c. 1 e 2 del suddetto decreto e di inquinamento ambientale ex art. 452 bis del Codice Penale.

    Clicca qui per scaricare il testo della sentenza    Sentenza 3339/22

    Se vuoi maggiori informazioni    CONTATTACI

    Per conoscere i nostri servizi alle aziende   CLICCA QUI

  • Sentenza TAR Lombardia: valori limite COV (Composti Organici Volatili).

    Con la sentenza n° 38 del 10/01/2022 il TAR della Lombardia ha riconosciuto come illegittima l’imposizione in AUA di valori limite differenziati per tipologia di  emissioni (convogliate e diffuse).

    Clicca qui per scaricare il testo della sentenza    Sentenza 38/22

    In particolare i Giudici Amministrativi si sono focalizzati sull’art. 275 del D. Lgs. 152/2006 e sulle casistiche ad esso riportabili.

    Se vuoi maggiori informazioni    CONTATTACI

    Per conoscere i nostri servizi alle aziende   CLICCA QUI

  • Il 21 gennaio 2022 è stato pubblicato il DPCM del 17 dicembre 2021 recante l’Approvazione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale per l’anno 2022.

    Clicca qui per scaricare il testo del DPCM    MUD_2022

    Se vuoi maggiori informazioni relativamente alla sua scadenza o predisposizione   CONTATTACI

    Per conoscere i nostri servizi alle aziende   CLICCA QUI

Di seguito potete trovare le ultime novità normative riguardante la Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

  • Come cambia la formazione per i Lavoratori?

    Il Decreto Legge 21/10/21 nr. 146 modificato dalla Legge di conversione nr. 215/2021 ha apportato significative variazioni in materia di formazione sulla sicurezza. Alcuni di questi cambiamenti riguardano la formazione per Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti prevedendo un futuro Accordo in Conferenza Stato-Regioni che ne gestisce modalità, contenuti e durata.

    Cosa cambia per il Datore di Lavoro?

    Nuovo soggetto destinatario degli obblighi formativi deve ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico secondo quanto previsto, in termini di durata, contenuti e verifica dell’apprendimento, da un nuovo Accordo in Conferenza Stato Regioni che sarà emanato entro il 30/06/2022.

    Il rispetto di tale obbligo secondo la Circolare INL nr. 1/2022 potrà essere verificato nel corretto adempimento soltanto dopo l’adozione del suddetto Accordo.

    E per i Dirigenti e Preposti?

    Gli Accordi in Conferenza Stato Regioni tuttora presenti, così come l’art. 37 c.7 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. già prevedono la formazione per Dirigenti e Preposti, formazione che deve essere adeguata e specifica con aggiornamento periodico.

    In particolare per i Preposti l’aggiornamento dovrà essere biennale e non più quinquiennale.

    ATTENZIONE che fino all’adozione dell’Accordo Stato Regioni previsto entro il 30/06/2022, vale l’obbligo formativo secondo l’accordo in Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011.

    Da ricordare: fondamentale e necessaria l’individuazione formale della figura del Preposto.

    Sono state date indicazioni circa l’Addestramento?

    L’addestramento dei lavoratori è già previsto dall’art. 37 c. 5 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. e il legislatore ha specificato quanto segue: “l’addestramento consiste nella prova pratica per l’uso corretto e in sicurezza di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale; l’addestramento consiste inoltre, nell’esercitazione applicata per le procedure di lavoro in sicurezza. Gli interventi di addestramento effettuati devono essere tracciati in apposito registro anche informatizzato”.

    Dato che l’addestramento era già stato introdotto nel D. Lgs. 81/08 e s.m.i. queste disposizioni introdotte dal D.L. 146/2021 trovano immediata applicazione.

    Clicca qui per scaricare il testo della Circolare n. 1/2022 dell’Istituto Nazionale del Lavoro  CIRCOLARE INL 1/22

    Se vuoi maggiori informazioni relativamente alla gestione delle novità illustrate nell’articolo   CONTATTACI

    Per conoscere i nostri servizi alle aziende, in particolare in tema di Sicurezza sul Lavoro   CLICCA QUI